Sunday

OPUS 1 TEXTS

OPUS 1

1.01. SONETTO PROEMIO DELL’OPERA Mercé di voi, mia fortunata stella,
volo di Pindo in fra i beati cori
e coronata d’immortali allori
forse detta sarò Saffo novella.
Così l’impresa faticosa e bella
sia felice del canto e deglá in amori,
ché, s’unisco le voci, i nostri cori
non disunisca mai voglia rubella.
O che vaga e dolcissima armonia
fanno due alme innamorate e fide,
che quel che l’una vuol l’altra desia,
che gioisce al gioir, ch’al rider ride,
né mai sospiran, che ’l sospir non sia
d’una morte che sana e non uccide!

(Giulio Strozzi)
INITIAL SONNET OF THE OPUS
Thanks to you, my star of good fortune!
With Pindaric flight among the blessed choirs
and crowned with the immortal laurel,
perhaps I will be called a new Sappho.
Thus it is a difficult and beautiful task
to be happy in song and in love;
when our voices are united
a rebellious wish will never separate our hearts.
O what lovely and sweetest harmony
two souls make, two loving and faithful souls,
so that what the one wishes the other desires.
To delight in joy, to laugh at laughter,
not ever sighing, unless that sigh be
from a death that heals and does not kill.

(translation Pamela Dellal)

recordings of 1.01

Sonetto proemio dell'opera (Mercè di voi), SA, hps, b viol, timing 4:56. Favella Lyrica, A New Sappho. Koch 7491.

Sonetto proemio dell'opera (Mercè di voi), SS, timing 5:30. Musica Secreta, La virtuosissima cantatrice. Amon Ra 61.

Sonetto proemio dell'opera (Mercè di voi), SS, hps, lu, timing 9:16.
Capella Musicale di San Petronio, Lamenti Barocchi vol 2. Naxos 553319.


Sonetto proemio dell'opera (Mercè di voi), SS, theor, hps, timing 5:18. La Venexiana, Primo Libro de' Madrigali. Cantus C9612.

Sonetto proemio dell'opera (Mercè di voi), SS, lirone, chitarrone, hps, org, timing 5:51. Orlando di Lasso Ensemble, First Book of Madrigals, Op.1. Thorofon 2441/2.

1.02. CANTO DI BELLA BOCCA
Che dolce udire una leggiadra bocca
tutta lieta cantar versi d’amore!
Vaga, vezzosa voce
con passaggio veloce
t’alletta, ti circonda, anzi ti tocca
e dentro va quasi a baciarti il core,
mentre musico labbro
spiega d’amore i pregi.
Altro non dice
quel canoro felice
che le gioie che senti;
altro non dice
che i diletti che provi;
altro non dice
che i tuoi piaceri nuovi,
i tuoi vecchi contenti.
Dillo, o mio core,
ch’è dolce udire una leggiadra bocca
tutta lieta cantar versi d’amore!
Quell’aura armonizzata
da una gorga canora
ti ravviva e ristora,
ti fa l’alma beata.
Folle sei se non godi e non cominci,
qua giù ristretto in un caduco velo,
Tirsi, a gustar le melodie del Cielo.

(Giulio Strozzi)
SONG OF THE BEAUTIFUL MOUTH How sweet to listen to a delightful mouth
joyously singing verses of love.
Lovely, charming voice,
with rapid scales,
allures you, surrounds you, also touches you
and sinks within almost to kiss your heart,
while the musical lip
describes the rewards of love.
Nothing is expressed
by that happy singer
other than the joys that you feel,
the delights you experience,
other than your new pleasures,
your old contents.

Tell it, o my heart;
how sweet to listen to a delightful mouth
joyously singing verses of love.
That air, harmonized
by a singing throat
renews you and restores you,
makes your soul blessed.
You are foolish if you do not enjoy, do not begin,
hampered here below in a mortal veil,
Tirsis, to taste the melodies of Heaven.
    (translation Pamela Dellal)

recordings of 1.02

Canto di bella bocca (Che dolce udire), SA, hps, bass viol, timing 5:25. Favella Lyrica, A New Sappho. Koch 7491.

Canto di bella bocca (Che dolce udire), SA, hps, th, timing 5:49. Musica Secreta, La virtuosissima cantatrice. Amon Ra 61.

Canto di bella bocca (Che dolce udire), SA, theor, hps, timing 5:40. La Venexiana, Primo Libro de' Madrigali. Cantus C9612.

Canto di bella bocca (Che dolce udire), SA, hps, lu, timing 5:26. Consort of Musicke, Concerto Delle Donne: Madrigali. Harmonia Mundi 771542RC.

Canto di bella bocca (Che dolce udire), SA, chitarrone, vlg, org, timing 5:35. Orlando di Lasso Ensemble, First Book of Madrigals, Op.1. Thorofon 2441/2.


1.03. CONSIGLIO AMOROSO O soffrire o fuggire o tacer sempre,
ma con lieto sembiante,
l’offeso deve e mal gradito amante.
Pianti, lamenti, dimostranze acerbe
non faranno cangiar costumi o tempre
a tiranne superbe,onde conviene
in tante amare pene
o soffrirle o fuggirle o tacer sempre.
Ma di che ci dogliam ch’un’incostante
ci sprezzi e ci abbandoni? Ah, frena l’ire;
plácati, incauto amante; ah, soffri e taci;
e se vuoi donna instabile punire
puniscila coi doni,
castigala coi baci. 
   (Giulio Strozzi)


 

AMOROUS ADVICE Either to suffer, or to flee, or to be silent,
but with a happy countenance
must be the offended and unwelcomed lover.
Cries, laments, bitter demonstrations
cannot change the habits or temperaments
of proud, tyrannical women; so it is advisable
in such bitter pain
to either suffer them, flee them, or ever be silent.
But why do we complain when an inconstant woman
scorns and abandons us? Ah, hold back your rage;
calm yourself, reckless lover; ah, suffer and be silent;
and if you want to punish your fickle lady,
punish her with gifts,
castigate her with kisses.

    (translation Candace A Magner)


recordings of 1.03
Consiglio Amoroso (O soffrire, o fuggire), SSB, 2 theor, hps, timing 3:12. La Venexiana, Primo Libro de' Madrigali. Cantus C9612.
Consiglio Amoroso (O soffrire, o fuggire), SSB, lute, hps, org, timing 3:15. Orlando di Lasso Ensemble, First Book of Madrigals, Op.1. Thorofon 2441/2.





1.04. LE TRE GRAZIE A VENERE Bella madre d’Amore
anco non ti ramembra
che nuda avesti di bellezze il grido,
in sul troiano lido,
dal giudice pastore?
Onde se nuda piaci
in sin a gl' occhi de’ bifolchi idei,
vanarella che sei,
perché vuoi tu con tanti adobbi e tanti
ricoprirti a gl' amanti?
O vesti le tue Grazie e i nudi Amori,
o getta ancor tu fuori
gl' arnesi, i manti e i veli:
di quelle care membra
nulla, nulla si celi.
Tu ridi e non rispondi?
Ah, tu le copri, sì, tu le nascondi,
che sai ch’invoglia più, che più s’apprezza
la negata bellezza.



THE THREE GRACES TO VENUS Beautiful mother of Love,
do you not remember
that naked, you had the prize for beauty
from the shepherd judge
on the Trojan shore?
If naked you pleased the eyes
of the uncouth gods of Mount Ida,
vain woman that you are,
why would you cover yourself with such adornments
before your lovers?
Either clothe your Graces and your naked Cupids
or else cast off your armor,
your mantles and veils:
of your dear limbs
let but nothing be concealed.
You laugh and do not answer?
Ah, you cover yourself, yes, hide your limbs,
for you know that temptation is greater,
denied beauty is more highly valued.
(translation Candace A Magner)


recordings of 1.04
Bella Madre d'Amor (Le tre grazie), SSA, hps, th, timing 3:03. Musica Secreta, La virtuosissima cantatrice. Amon Ra 61.
Bella Madre d'Amor (Le tre grazie), SSA, hps, timing 3:08. La Venexiana, Primo Libro de' Madrigali. Cantus C9612.

Bella Madre d'Amor (Le tre grazie), SSA, hps, timing 4:59. Capella Musicale di San Petronio, Lamenti Barocchi vol 1.
Naxos 553318.
Bella Madre d'Amor (Le tre grazie), SSA, hp, timing 3:01. Consort of Musicke, Concerto Delle Donne: Madrigali. Harmonia Mundi 771542RC.
Bella Madre d'Amor (Le tre grazie), SSA, lute, timing 2:58. Orlando di Lasso Ensemble, First Book of Madrigals, Op.1. Thorofon 2441/2.



1.05. L’USIGNUOLO. DONZELLA ATENIESE SFORZATA DAL RE DI TRACIA Quel misero usignuolo
spiega la pompa de’ canori accenti
e racconta il suo duolo
al fonte, al prato, a la foresta, ai venti.
Piange l’ingiurie Filomena e i torti
d’un trace ingannatore;
e non canta d’amore,
ma con l’irata lingua
ricorda al Ciel che i traditori estingua.
Chi credería che voce
cara e soave tanto
muovan gli sdegni al canto?
Noi pur, o belle avare,
allor ch’al nostro ossequioso affetto
son le mercedi rare,
più di rabbia cantiam che per diletto.

THE NIGHTENGALE. AN ATHENIAN DAMSEL FORCED BY THE KING OF THRACE That miserable nightingale
unfurls in the pomp of accented song
the tale of her sorrow
to the fountains, the meadows, to the forests and winds.
Philomela cries the injuries and injustices
of a deceiving Tracian;
and does not sing of love,
but with a furious tongue
she reminds the Heavens that traitors be extinguished.
Who could believe
that a sweet and soft voice
could bring such indignation to the song?
Even to us, oh beautiful greedy ones,
Rare is the repayment
of our attentive affections,
we sing more in rage than in delight.
(translation Candace Magner)


recordings of 1.05
L'usignolo (Quel misero usignolo), SATB, 2 theor, hps, timing 3:45.La Venexiana, Primo Libro de' Madrigali. Cantus C9612.
L'usignolo (Quel misero usignolo), SATB, lirone, chitarrone, hps, org, timing 3:55. Orlando di Lasso Ensemble, First Book of Madrigals, Op.1. Thorofon 2441/2.


1.06. SILENZIO NOCIVO Dolcissimi respiri
de’ nostri cori amanti
son le parole affettuose e i canti.
Sfoga, o mio core, il tuo cocente ardore,
se talor non ti tocca
nodrirti almen di due soavi baci.
Afflittissima bocca,
stolta sei, se tu taci:
parla, canta, respira, esala il duolo,
canta, canta, che solo
dolcissimi respiri
de’ nostri cori amanti
son le parole affettuose e i canti.



recordings of 1.06
Silenzio nocivo (Dolcissimi respiri), SATB,theor, hps, timing 4:16. La Venexiana, Primo Libro de' Madrigali. Cantus C9612.
Silenzio nocivo (Dolcissimi respiri), SATB, lute, vlg, org, timing 4:32. Orlando di Lasso Ensemble, First Book of Madrigals, Op.1. Thorofon 2441/2.





1.07. L’AFFETTO UMANO Vago, instabil, leggiero è il nostro affetto,
si cangiano i desir cangiando glá iñ anni,
ché di quel che fanciul tanto t’affanni,
superbetto garzon non hai diletto.
Di colei che sì dolce or m’arde il petto
la più matura età scuopre gl’inganni;
ma glá iñ andati piacer, vecchio, condanni
ch’a lasciar i piacer ti vedi astretto.
Così col tempo andiam di voglie in voglie:
gioco, vezzi, delizie, amori e studi
son finti scherzi e mascherate doglie;
e la sorte chiamando e i cieli crudi,
caduchi più de le caduche foglie,
nudi venghiamo e ce n’andiamo ignudi.



recordings of 1.07
L'affetto umano (Vago, instabil), SATB, hps, timing 3:50. La Venexiana, Primo Libro de' Madrigali. Cantus C9612.
L'affetto umano (Vago, instabil), SATB, lute, hps, org, timing 3:46. Orlando di Lasso Ensemble, First Book of Madrigals, Op.1. Thorofon 2441/2.





1.08. DIALOGO IN PARTENZA S: Anima del mio core,
tu parti?
C: Io parto.
S: E prenderatti, o Dio,
dimmi, un picciolo oblio
giammai del nostro amore?
C: Fonte della mia vita,
tu resti?
S: Io resto.
C: E dubitar potrai,
in sì dura partita,
della mia fede mai?
S: No, no, la nostra gelosia si spenga.
C: Sì, sì, rasciuga quei begli occhi mesti.
E dove andar potrò che tu non venga...
S: Dove restar potrò che tu non resti...
S e C: s’hanno la stanza usata
i nostri cuor cangiata?
C: Mentre parto, o mio bene,
il mio qui resta.
S: E ’l mio teco sen viene.
Mentre resto, o mia speme,
il tuo qui resta.
C: E ’l tuo meco sen viene.



recordings of 1.08

Dialogo in partenza (Anima del mio core), SA, bc, timing 3:41. Primavera, Concerto Delle Donne. Ligia Digital LIDI 0202118-02.
Dialogo in partenza (Anima del mio core), SA, hps, th, timing 4:43. Musica Secreta, La virtuosissima cantatrice. Amon Ra 61.
Dialogo in partenza (Anima del mio core), SA, 2 theor, hps, timing 3:47. La Venexiana, Primo Libro de' Madrigali. Cantus C9612.
Dialogo in partenza (Anima del mio core), SA, chitarrone, hps, timing 4:22. Orlando di Lasso Ensemble, First Book of Madrigals, Op.1. Thorofon 2441/2.





1.09. GODERE E TACERE Gioisca al gioir nostro e l’aura e l’onda,
scherzin tra l’erbe e i fiori
i lascivetti Amori,
a nostri dolci canti Ecco risponda.
In questo lieto e fortunato giorno
volin le Grazie intorno,
vengan sul labbro i cori
e s’annodino l’alme al suon de’ baci.
Ah, non dir più, taci, mia lingua, taci!



recordings of 1.09

Godere e tacere (Gioisca al gioir), SS, theor, hps, timing 3:48. Musica Secreta, La virtuosissima cantatrice. Amon Ra 61.

Godere e tacere (Gioisca al gioir), SS,2 theor, hps, timing 2:20. La Venexiana, Primo Libro de' Madrigali. Cantus C9612.

Godere e tacere (Gioisca al gioir), SS, vlg, guitar, timing 4:56. Orlando di Lasso Ensemble, First Book of Madrigals, Op.1. Thorofon 2441/2.





1.10. LIBERTÀ Non ci lusinghi più
con la tua dolce spene
vezzosa servitù:
libertà, libertà, non più catene!
Dunqu’era il mio ben[e], dunqu’era il mio core
una donna infedel, priva d’amore!
Oh stolido errore,
per breve gioire
corteggiar pene e vagheggiar martíre!
Oh basso desire,
oh alto arrischiato
chi gode nell’inferno esser dannato!
Non ci lusinghi più
con la tua dolce spene
vezzosa servitù:
libertà, libertà, non più catene!



recordings of 1.10
Libertà (Non ci lusinghi più), SSA, hps, th, timing 3:24. Musica Secreta, La virtuosissima cantatrice. Amon Ra 61.
Libertà (Non ci lusinghi più). Fretwork (Musica Secreta), A Golden Treasury of Renaissance Music. Amon Ra 65.
Libertà (Non ci lusinghi più), TTB, 2 theor, hps, timing 3:11. La Venexiana, Primo Libro de' Madrigali. Cantus C9612.
Libertà (Non ci lusinghi più), TTB, vlg, chitarrone, hps, timing 2:45. Orlando di Lasso Ensemble, First Book of Madrigals, Op.1. Thorofon 2441/2.





1.11. CON LE BELLE NON CI VUOL FRETTA Mi tien Filli fin qui
né ben detto di no,
né ben detto di sì.
Amore, e che farò, aspetto o lascio?
Amor non mi risponde,
ma mi dice la speme: "Aspetta, aspetta,
con le belle a goder non ci vuol fretta;
vien il bene talor, né si sa donde.
Non sai tu che consola
l’amante di molt’anni un’ora sola?"



recordings of 1.11
Con le belle non ci vuol fretta (Mi tien Filli), SATB, theor, hps, timing 3:40. La Venexiana, Primo Libro de' Madrigali. Cantus C9612.
Con le belle non ci vuol fretta (Mi tien Filli), SATB, lute, hps, org, timing 3:13. Orlando di Lasso Ensemble, First Book of Madrigals, Op.1. Thorofon 2441/2.





1.12. GODERE IN GIOVENTÙ Nel bel fior di gioventù
alle gioie aprire il seno,
donzellette, è gran virtù.

Chi tardi cominciò gode assai meno:
scherniti pentimenti,
che per comprar contenti,
non ha spaccio poi molto
l’argento d’un capel, l’oro d’un volto.

Nel bel fior di gioventù
alle gioie aprire il seno,
donzellette, è gran virtù.

È d’un corto mattin breve il sereno:
bellezze fuggitive,
estinte pria che vive,
in van l’arte vi aiuta,
non si racquista più beltà perduta.

Nel bel fior di gioventù
alle gioie aprire il seno,
donzellette, è gran virtù.
ENJOY YOUR YOUTH
In the fair flower of youth,
opening your heart to joy,
oh maidens, is a great virtue.

Whoever begins late enjoys much the less:
You should scoff at regrets!
For in buying contentment
you don’t receive much value
from the silver in your hair nor the gold in your visage.

In the fair flower of youth …

Fair weather is brief during a short morning,
the beauty within you
is already fleeting even before it lives.
In vain can art assist you,
for beauty once lost in never regained.

In the fair flower of youth …
   (translation Candace A Magner)


recordings of 1.12
Godere in gioventù (Nel bel fior di gioventù), SSB, hps, timing 3:05. Orlando di Lasso Ensemble, First Book of Madrigals, Op.1. Thorofon 2441/2.





1.13. L’AMANTE MODESTO
Volano frettolosi i giorni e presto
un secolo sarà che t’amo, o Clori,
né de’ miei lunghi ossequiosi amori
un picciol guiderdone anco t’ho chiesto.
Amante son, ma candido e modesto;
voglio che taciturno il cor t’adori
e voglio disfogar gl’interni ardori
col muto fiato d’un sospir onesto.

Godati chi di me più fortunato
nacque ai diletti impuri.
A me sol basta saper
dalla mia Clori esser amato.

Così mai non guerreggia e non contrasta
rivalità; diverso è il nostro stato:
egli t’ama impudica, io t’amo casta.



THE UNASSUMING LOVER
The days are flying swiftly,
and almost a century have I loved you, oh Clori.
For my long, devoted love,
not even a small reward have I asked.
A lover I am, but pure and modest.
I wish the heart to adore you silently,
and I wish to release the internal passions
with the mute breath of an honest sigh.

Let he who is born more fortunate than I
enjoy impure delights.
To me it is enough to know
that I am loved by my Clori.

Thus, never warring and never conflicting
is our rivalry; diverse is our condition:
he loves you wanton, I love you chaste.
    (translation Andrew Kosciesza)


recordings of 1.13
L'amante modesto (Volano frettolosi), SATTB, 2 theor, hps, timing 4:20. La Venexiana, Primo Libro de' Madrigali. Cantus C9612.

L'amante modesto (Volano frettolosi), SATTB, lirone, chitarrone, hps, org, timing 4:26.
Orlando di Lasso Ensemble, First Book of Madrigals, Op.1. Thorofon 2441/2.




1.14. IL CONTRASTO DE’ CINQUE SENSI
Chi di noi vaglia più
e di gioia maggior ministro sia
fiera lite ognor fu.
Io miro, io sento, io gusto, io fiuto, io tocco,
e nella donna mia
talor, anco mercé d’un picciol bacio,
tutto trabocco.
Tocca pur quanto sai,
ché nel sol tocco Amore
il verace gioir non pose mai.
Ne sia giudice il cor mesto e languente;
"ohimè" senti ch’il cor dentro ci dice,
ch’un sol bacio, ch’è niente, il fa felice.



THE CONFLICT THE FIVE SENSES
Which of us is valued more
and is the greater minister of joy
has always been a fierce dispute.
I look. I hear. I taste. I smell. I touch,
and in my lady, oft-times also
thanks to a tiny kiss
I utterly overflow.
Touch, well you know
that Love, in the touch alone
true delight has never placed.
May the judge be the sad and languishing heart.
Alas, hear what the heart within says to us:
that a single kiss, which is nothing, knows happiness.
(translation Andrew Kosciesza)


recordings of 1.14
Il contrasto de' cinque sensi (Chi di noi), SSATB, 2 theor, hps, timing 2:37. La Venexiana, Primo Libro de' Madrigali. Cantus C9612.

Il contrasto de' cinque sensi (Chi di noi), SSATB, lute, vlg, hps, org, timing 2:32.
Orlando di Lasso Ensemble, First Book of Madrigals, Op.1. Thorofon 2441/2.




1.15. PRIEGO AD AMORE
Pietosissimo Amore,
tu mai non abbandoni
chi ti consacra riverente il core.
Chi cieco ti figura,
chi nudo, chi bendato,
chi di saette armato
non provò tua dolcissima natura.

Morir, né morir mai,
languir, ma per un poco,
è gloria del tuo foco.

Vieni, deh, vieni a noi,
vieni, gioia dell’alme,
Spargi, spargi benigno i doni tuoi
e d’un cortese affetto
alla Barbara mia feconda il petto.



PRAYER TO LOVE
Most merciful Love,
you never abandon
one who reverently offers you his heart.
He who envisions you blind,
naked, blindfolded,
armed with arrows
has not tested your sweet nature.

You never die
nor languish, but brief
is the glory of your fire.

Come, oh come to us,
come joy of my soul,
bestow your sweet gifts
and for a kind affection
toward my Barbara make fertile my heart.
 (translation Candace Magner)



recordings of 1.15
Priego ad Amore (Pietosissimo Amore), SATTB, 2 theor, hps, timing 2:53. La Venexiana, Primo Libro de' Madrigali. Cantus C9612.
Priego ad Amore (Pietosissimo Amore), SATTB, lute, hps, timing 3:00. Orlando di Lasso Ensemble, First Book of Madrigals, Op.1. Thorofon 2441/2.





1.16. GLI AMANTI FALLITI
Amor, Amor, noi ricorriamo a te
supplichevoli avanti,
senza credito o fé falliti amanti.
Se di forze ci spoglia
grave cadente età,
s’andiam ognora in giù,
se non potiamo più,
la tua pietà ci toglia
da dura servitù.
Amor, amor, noi ricorriamo a te
s’a noi manca ogni splendida ricchezza,
se, miseri e dolenti,
d’ogni nostra bellezza
miriamo i fior languenti.
E se non ritroviam chi più ci guardi,
frena, Amor, i tuoi dardi;
non bersagliar invano,
ch’il dar morte a manchevoli
sarebbe scorno della tua mano.



recordings of 1.16
Gli amanti falliti (Amor, Amor), SATTB, theor, hps, timing 3:18. La Venexiana, Primo Libro de' Madrigali. Cantus C9612.
Gli amanti falliti (Amor, Amor), SATTB, lirone, lute, hps, org, timing 3:03. Orlando di Lasso Ensemble, First Book of Madrigals, Op.1. Thorofon 2441/2.





1.17. LA QUAGLIA SONETTO BURLESCO
Lascia di Libia il ciel l’ardita quaglia
e rivarcato il procelloso Egeo,
invan cercando il suo crudel Marmeo,
qui nel foco d’amor tutta si squaglia.
Mentre sonora più la voce scaglia
contro l’amante fuggitivo e reo,
par che mi desti un impeto febeo
e a dir contro di voi l’ira m’assaglia.
Ecco vanno del pari i nostri affanni:
s’ella il capo dibatte, il mio piè trotta;
si pasce ella di migli’, io di malanni;
squaqquera spesso, ed io sospiro a ogn’otta;
le penne ha sconce, ed io squarciati i panni;
ella adora un Marmeo, io una marmotta.



recordings of 1.17
La Quaglia. Sonetto burlesco (Lascia di Libia), SB, vlg, cetera, hps, timing 3:42. Orlando di Lasso Ensemble, First Book of Madrigals, Op.1. Thorofon 2441/2.





1.18. AL BATTITOR DI BRONZO DELLA SUA CRUDELISSIMA DAMA
Quante volte ti bacio, o bronzo amato,
nunzio importun di mal graditi amori,
ch’hanno i miei baci, in sì cocenti ardori,
il segno delle labbra in te lasciato!
Quante volte di lagrime bagnato
testimonio ti fo de’ miei dolori,
quando, escluso e deluso, errar di fuori
l’ira mi fa d’un demone adorato!
Quanti la notte e ‘l dì teco ritorno
sdegnato a replicar colpi gelosi
con tuo danno, altrui riso e nostro scorno!
Ma tu perdona a gl’impeti amorosi,
ché spero alfin che vendicate un giorno
vedrò l’ingiurie mie ne’ tuoi riposi.



recordings of 1.18
Al Battitor di Bronzo della sua crudellissima Dama (Quante volte), TT, hps, timing 3:38. La Venexiana, Primo Libro de' Madrigali. Cantus C9612.
Al Battitor di Bronzo della sua crudellissima Dama (Quante volte), TT, chitarrone, vlg, hps, org, timing 3:57. Orlando di Lasso Ensemble, First Book of Madrigals, Op.1. Thorofon 2441/2.

Al Battitor di Bronzo della sua crudellissima Dama (Quante volte), TT, continuo. Ensemble Vivace. Alla Luce. ORF, 2009.




1.19. PACE ARRABBIATA
Come può, non come suol,
quell’altero
chiede pace, pace vuol.
Grida il fiero:
"Ad Amor e non a te
curvo il collo e bacio il piè ".
Replicò Fillide allor:
"Servi me, ché servi Amor.
Tu non conosci, o stolto,
che vicario d’Amor fatto è il mio/suo volto!"
Come può, non come suol,
quell’altero
chiede pace, pace vuol.
Privilegio ha la beltà:
guerra e pace
bella donna e rompe e fa.
Ecco tace
quell’ardente; e che può dir
se non fingere e soffrir?
Quell’altier che la sprezzò
fintamente l’inchinò.
Si vede ben ch’allora
quel che bestemmia il cor la lingua adora.
Privilegio ha la beltà:
guerra e pace
bella donna e rompe e fa.



recordings of 1.19
Pace arrabbiata (Come può, non come vuol), ATB, 2 theor, hps, timing 3:04. La Venexiana, Primo Libro de' Madrigali. Cantus C9612.
Pace arrabbiata (Come può, non come vuol), ATB, vlg, guitar, hps, timing 3:16. Orlando di Lasso Ensemble, First Book of Madrigals, Op.1. Thorofon 2441/2.




1.20. VECCHIO AMANTE CHE RENDE LA PIAZZA Io cedo, Amor, io cedo
all’ingiurie de gl' anni:
congiurate a miei danni
l’armi del tempo io vedo;
io cedo, Amor, io cedo.
Acciò la resa mia
senza gloria non sia,
pria ch’estinto io mi veggia,
Amor, per me patteggia.
La rocca del mio core
tutte ha perdute omai
le diffese di fuore:
ai balconi del volto
l’uso del lume è tolto;
di mia bocca son state
le macchine atterrate;
ogni duro si scuote
e per la breccia di rugose gote
l’ultimo assalto apparecchiato io vedo.
Io cedo, Amor, io cedo,
pria ch’estinto io mi veggia;
così per me patteggia.
Il miccio del desire
voglio primieramente
resti acceso all’uscire;
la speme porti almeno
poco bagaglio in seno;
al mio coraggio tocca
sortir con palla in bocca;
e portar di ragione
vuol la memoria un picciolo cannone,
che la memoria sol meco io mi vedo.
Io cedo, Amor, io cedo,
pria ch’estinto io mi veggia;
così per me patteggia.
Ancor sarà dovere
marchiar in ordinanza
a spiegate bandiere;
per dovunque si passa
trombeggiar, batter cassa;
ove condurmi io voglio
ch’abbia un fido convoglio.
Parla chiaro e che basti,
ché non sorghino in fin nuovi contrasti,
perch’il nemico cavilloso io vedo.
Io cedo, Amor, io cedo,
all’ingiurie de gl' anni:
congiurate a miei danni
l’armi del tempo io vedo;
io cedo, Amor, io cedo.


OLD LOVER WHO RETURNS TO THE PIAZZA
I yield, Love, I yield
to the abuses of years.
Conspiring to my undoing
I see the weapons of time.
I yield, Love, I yield.
So that my surrender
shall not be without glory,
before I would see myself extinguished,
Love, take my part.
The fortress of my heart
has by now totally lost
its outer defenses.
From the balconies of the visage
the use of light has been taken.
The defense machinery of my mouth
has been razed.
Each resistance is shaken,
and through the breach of wrinkled cheeks
I see the final assault in preparation.
I yield, Love, I yield.
Before I would see myself extinguished
thus take my part.
The fuse of desire
I wish, in the first place,
to remain enflamed upon emerging.
May hope carry at least
a little gear in the breast.
As for my courage, it is time
to go forth, with cannonballs in mouth.
Similarly equipped,
memory wants a small cannon
so that I see myself only as my memory.
I yield, Love, I yield.
Before I would see myself extinguished
thus take my part.
Again it will be a duty
to strike out in ranks,
to deploy the colors
wherever one passes
trumpeting and beating drums.
Where I would conduct myself
I must have a faithful convoy.
Speak clearly. It is enough
that in the end new strifes shall be unforged,
for I see the carping enemy.
I yield, Love, I yield
to the abuses of years.
Conspiring to my undoing
I see the weapons of time.
I yield, Love, I yield.

(translation Andrew Kosciesza)


recordings of 1.20
Vecchio amante che rende la piazza (Io cedo, Amor), ATB, 2vln, vlg, guitar, hps, org, timing 5:52. Orlando di Lasso Ensemble, First Book of Madrigals, Op.1. Thorofon 2441/2.





1.21. DAL PIANTO DE GLI AMANTI SCHERNITI S’IMPARÒ A FAR LA CARTA
Mordeva un bianco lino Aci dolente
e come è l’uso de’ scherniti amanti
alla sua bella schernitrice avanti
del mal trattar godea tela innocente.
Ma quel ch’irato lacerava il dente
non mai restavan d’ammollire i pianti,
che, trito omai da tanti morsi e tanti,
liquido il rese al fin l’occhio gemente.
Tela non sembra più, ma foglie sparte:
onde tu prima c’insegnasti, Amore,
col fiero esempio a fabbricar le carte.
Se nacque già dal feminil rigore
d’una donna crudel sì nobil arte,
che produrrà la cortesia d’un core?



recordings of 1.21
Dal pianto de gli Amanti (Mordeva un bianco lino), SA, hps, th, timing 3:32. Musica Secreta, La virtuosissima cantatrice. Amon Ra 61.
Dal pianto de gli Amanti (Mordeva un bianco lino), SS, lirone, guitar, chitarrone, org, timing 3:47. Orlando di Lasso Ensemble, First Book of Madrigals, Op.1. Thorofon 2441/2.





1.22. IL RITORNO
S: È tornato il mio bene.
T: Hai riavuto il core.
S: Son uscita di pene.
T: T’ha ravvivata Amore.
S: M’ha ravvivata Amore.
S e T: Al gioir, al gioir, non più parole:
è tornato il mio/tuo ben, venne il mio/tuo sole.
S: O beato ritorno!
T: Hai quel che brami in seno.
S: O soave soggiorno!
T: Sei consolata appieno.
S: Son consolata appieno.
S e T: Al gioir, al gioir, non più lamenti:
quand’ho le gioie in sen / mentr’hai le gioie in sen
lieti ho/hai gli accenti.
S: O risorte venture!
T: O stabiliti onori!
S: O dolcezze sicure!
T: O confermati Amori!
S: O confermati Amori!
ST: Al gioir, al gioir, non più querele:
il raggio del mio/tuo sol, raggio è fedele.



recordings of 1.22
Il Ritorno (E tornato il mio bene), ST, chitarrone, guitar, hps, timing 3:08. Orlando di Lasso Ensemble, First Book of Madrigals, Op.1. Thorofon 2441/2.





1.23. LA VITTORIA
Il gran Giove non si gloria
d’altre belle essere amante;
gode solo il dio costante
quando in seno è di Vittoria.
La Vittoria d’un bel Rovere
al suo Giove adorna il crine,
nel cui verde in aure e brine
già la Gloria venne a piovere.
Nacque già nobil primizia,
già gli rese il ciel fecondi;
ma d’Etruria anco i sei mondi
d’alti Eroi voglion dovizia.

LA VITTORIA Great Jove does not glory
to be the lover of another beauty;
the constant god rejoices only
when he clasps Victory to his breast.
Victory is the great Oak-tree [Rovere]
with which Jove adorns his hair,
in which greenery, in breeze and frost
Glory already pours down.
The noble first fruits are already born
and the heavens made Victory fertile
but in Etruria as in the six worlds
devotion must be to the high heroes.
(translation Candace Magner)


recordings of 1.23
La Vittoria (Il gran Giove), SS, hp, lu, ch, timing 2:30. Consort of Musicke, Concerto Delle Donne: Madrigali. Harmonia Mundi 771542RC.
La Vittoria (Il gran Giove), SS, vlg, hps, timing 3:03. Orlando di Lasso Ensemble, First Book of Madrigals, Op.1. Thorofon 2441/2.





1.24. L’AMANTE TIMIDO ECCITATO
T: T’invito a godere
mio core, e paventi!
S: Avvezzo ai tormenti,
io sdegno il piacere.

T: Il bene hai presente,
mio cor, che tu brami?

S: A gioie tu chiami
chi gioie non sente.

T: L’invito ti piace,
mio cor, né ti affretti?

S: Vo pian coi diletti,
che il bene è fallace.

T: Ardisci e godrai:

T e S: Chi non s’arrischia non gioisce mai.


THE TIMID, EXCITED LOVER
I invite you to enjoy,
my heart, and you are afraid?
Accustomed to torments
I disdain pleasure.

The good you long for,
my heart, you now have.

To joys you call me
who does not feel joys.

The invitation pleases you, my love,
why don't you hurry?

I go slowly with delights
for the good is false.

Be bold, and you will enjoy.

One who doesn't risk never finds joy.

(translation Andrew Kosciesza)



recordings of 1.24
L'amante timido eccitato (T'intuito à godere), ST, chitarrone, vlg, hps, timing 2:40. Orlando di Lasso Ensemble, First Book of Madrigals, Op.1. Thorofon 2441/2.





1.25. CONCLUSIONE DELL’OPERA
Voi sete, o begli occhi,
le stelle che scorto
col vostro bel raggio
nel primo viaggio
m’avete a buon porto.
Oh dio, che mi tocchi
di mirti e d’allori
il crine adornato,
che premio è più grato
de gli ostri e de gli ori.
Ed ecco il primo voto appendo al tempio
d’un nuovo e forse non creduto esempio.
A un lampo sereno
che splende cotanto
è forza che belle
sien l’arie novelle
nel regno del canto.
O Dio, che ripieno
di sconcia armonia
avete l’orecchio,
ond’io v’apparecchio
miglior melodia.
E a chi gli studi miei creder non giova
mando querela e lo disfido a prova.




recordings of 1.25
Conclusione dell'opera (Voi sete o begli occhi), ATB, chitarrone, org, timing 2:26. Orlando di Lasso Ensemble, First Book of Madrigals, Op.1. Thorofon 2441/2.